HOME PAGE
L'Associazione Associati Nad Ufficio stampa Nad Pubblicazioni Nad Sponsor Nad Contatta Nad

AREA RISERVATA
SOCI
Username 
Password

www.aideco.it
PRENOTAZIONI
PRENOTAZIONI
UFFICIO STAMPA
NAD A SOSTEGNO DI DUE PROGETTI SOCIALI 01/05/2009
Il Consiglio Direttivo di NAD, Associazione Nazionale Demolitori Italiani, ha deliberato di sostenere due iniziative in campo sociale. Si tratta del progetto Zero sei, una struttura residenziale situata nella zona nord di Milano, specializzata nell’accoglienza e assistenza a 5 bambini allontanati dalle famiglie, da zero a sei anni di età realizzato della Fondazione l’Albero della vita e del progetto Centro Sanitario nel Villaggio di Thome realizzato dell’Associazione Africa nel cuore di Modena.
ZERO SEI - Secondo dati istat i neonati abbandonati in Italia alla nascita risultano essere un numero allarmante, 3000 ogni anno. Di questi solo un terzo viene, in pochi mesi, dichiarato adottabile da una nuova amorevole famiglia. Per la maggioranza, la situazione è ben più complessa. Madri spesso sole, in stato di estremo disagio e povertà di cui il 73% italiane in età adulta (soli il 6% minorenni) vittime esse stesse di povertà ed emarginazione, lasciano, già dai primi giorni o mesi di vita il neonato in stato di incuria e di abbandono.
Come risulta da una ricerca realizzata dall’Istituto degli Innocenti di Firenze su un campione di 2633 minori che risiedono in comunità, nel quasi il 55% dei casi si tratta di una condizione di famiglia monoparentale al cui interno le donne separate o divorziate sono il 32,8% e singole il 22,1%. Da questa prima lettura è possibile intravedere le radici di una gestione familiare più difficile e complessa proprio perché il genitore“solo” deve fare fronte alle problematiche emergenti a livello economico, abitativo, occupazionale e quindi anche finanziario.
Per queste fasce di età pesano i problemi di tipo economico, lavorativo e abitativo; in modo particolare, i problemi di condotta dei genitori risultano decisivi per l’inserimento dei minori di pochi mesi di vita, così come anche per questi ultimi incidono l’incuria e il maltrattamento. In particolare il progetto Zero Tre, già attivo dal 2002, nel corso degli anni ha riscontrato un notevole aumento delle richieste di inserimento, vedendosi costretto a non accogliere ben 105 minori per mancanza di spazio. Zero Sei è una struttura residenziale situata nella zona nord di Milano, specializzata nell’accoglienza e assistenza a 5 bambini allontanati dalle famiglie, da zero a sei anni di età, in supporto alla già esistente comunità Zero Tre ubicata in zona limitrofa. La struttura nasce dall’esigenza di soddisfare le sempre maggiori richieste di inserimento alla comunità 03 e dalla lunga permanenza in essa di alcuni piccoli che oggi hanno 5 e 6 anni. L’obiettivo è quello di dare un’accoglienza idonea a bambini più grandicelli che hanno esigenze fisiche, emozionali e cognitive ben diverse da quelle dei neonati. La struttura offre a questi piccoli un clima caldo ed accogliente che garantisca il soddisfacimento dei bisogni di base del periodo pre-scolastico e scolastico e l’adeguamento del bambino in tutti gli aspetti della sua vita affettiva, sociale ed interiore. L’apertura è prevista per il 2009.
AFRICA NEL CUORE - “Africa nel cuore” è un’Associazione di volontariato costituitasi con registrazione privata il 4 Marzo 2008, ma operante nel territorio già dal 2000. E’ un’Associazione apolitica, aconfessionale e non persegue scopo di lucro. Opera con l’aiuto di volontari che offrono, gratuitamente, una parte del loro tempo per sostenere lo sforzo delle Missioni che ogni giorno garantiscono cibo e un tetto per tante persone bisognose. L’Associazione, ispirandosi ai principi della solidarietà umana si prefigge di sostenere progetti volti a migliorare le condizioni igienico - sanitarie, sociali ed economiche della popolazione di Rumuruti – Kenya e dei Villaggi del suo distretto. Il progetto in corso di realizzazione è la costruzione di un Centro Sanitario nel Villaggio di Thome a 14 Km da Rumuruti per prestare le prime cure mediche alla popolazione di quel Villaggio e dei villaggi vicini che sarebbero troppo distanti da Rumuruti. Il progetto completo prevede la realizzazione di quattro moduli (ogni modulo adempirà ad una specifica funzione sanitaria), la casa per il personale sanitario (almeno 2 infermieri), la casa dei Padri (a presenza dei Padri sarà garanzia del buon funzionamento) e una veranda tipo porticato che servirà da sala d’aspetto. I lavori, iniziati a Novembre 2008, sono proseguiti a Gennaio di quest’anno con la conseguente inaugurazione. Questa prima fase dei lavori ha previsto la costruzione di due moduli, la casa dei Padri, il porticato, il pozzo per l’acqua, la recinzione, l’impianto fognario, idraulico ed elettrico con generatore.
<< INDIETRO
  Copyright © 2006 Nad. Tutti i diritti sono riservati. realized by Creacomunicazioni.it